Friends who follow my blog, thanks to move from here, you are becoming so many and I'm happy!
For those who do not understand my language, on the right side of this page there is the Google-translate button that will help you to 'translate' my blog from Italian to your language!!
Seeing is believing ...

Thanks, Caterina





BUON APPETITO!!!

sabato 20 marzo 2010

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE

Dosi per 34 zeppole, diametro 8 cm.
250 gr di farina 00
250 gr burro (o margarina)
1/2 litro di acqua
6 uova grandi intere (o 8 piccole)
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale

Per la crema pasticcera
1/2 litro di latte
6 tuorli
150 gr di zucchero
80 gr di farina 00
la buccia di un limone non trattato

Per la decorazione
amarene sciroppate
zucchero a velo

Preparazione delle zeppole:
come per la preparazione della pasta bignè, mettere in una pentola l'acqua con il burro e il sale, e scaldare a fuoco lento.
Appena comincia a salire il bollore, spegnere il gas e aggiungere lo zucchero e la farina tutto in un colpo, rimestando energicamente con un cucchiaio di legno: prima sembra che si formino tanti grumi, ma continuando a rimescolare si omogeinizza il tutto e si comincia a staccare l'impasto dai bordi della pentola.
Lasciar raffreddare e aggiungere uno per volta le uova e continuare a mescolare col cucchiaio di legno.
Risulterà  un'impasto morbido ma denso come la polenta o un purè di patate.
Mettere l'impasto in un sac a poche con la bocchetta a stella abbastanza larga e formare delle ciambelle sulla placca del forno, coperta da cartaforno.
Cuocere nel forno preriscaldato a 180° per 40 minuti.
Sono pronte quando sono appena dorate e gonfie, e infilando uno stuzzicadenti nella ciambella, questi ne esce asciutto.
Io ho dovuto dividere le ciambelle in due placche da forno perchè le ho fatte grandi, volendole fare più piccole ne escono almeno il doppio, quindi si potrebbe anche dimezzare la dose, ma vi assicuro che spariscono in un battibaleno!!

Le zeppole si possono fare anche fritte, e in questo caso occorre spremere la sac a poche direttamente in una padella dove abbiamo messo a scaldare dell'olio di semi di ottima qualità.
L'olio deve essere abbondante e caldo, ma non bollente altrimenti le zeppole si bruciano!!
Si gonfiano subito e appena dorate si raccolgono con una paletta forata e si lasciano asciugare su carta da cucina.
(Se ti può essere di aiuto, puoi vedere le foto della preparazione dell'impasto, cliccando QUI)

Nel frattempo che cuociono le zeppole, preparare la crema pasticcera:
Lavorare a crema i tuorli con lo zucchero e la farina facendo attenzione a non formare grumi.
Aggiungere il latte intiepidito, la buccia intera del limone, mescolare e porre in un pentolino sul fuoco lento, continuando a mescolare finchè non si addensa.
Lasciar raffeddare, e poi decorare le zeppole ormai fredde con due ciuffetti di crema pasticcera e amarene sciroppate.
Spolverizzare di zucchero a velo e servire.



una curiosità : questa volta per fare prima, ho fatto la crema pasticcera nel microonde.
Ho messo il latte in un contenitore in plastica per MO solo per intiepidirlo, poi ho aggiunto tutti gli altri ingredienti mescolando bene, poi ho rimesso nel MO alla media potenza per 2 minuti... ho rimestato bene col cucchiaio di legno ed è venuta fuori una crema delicatissima, densa e senza grumi!!!!.

1 commento:

BastiCook ha detto...

idea ottima quella delle amarene... io da piccolo andavo con mia nonna a raccoglierle e poi mi faceva lo sciroppo... gnammmm...
Ovviamente le "sfince" di san Giuseppe sono un classico ma sempre buonissime.. Brava brava brava

IL METEO NELLA MIA CITTA'

la mia musica

Click sul tasto centrale per PLAY/PAUSE. Click sulle frecce per scegliere i brani musicali. BUON ASCOLTO!! http://www.mixpod.com/login.php http://grooveshark.com/#!/playlist/Cockerina+Blog+List/87989990